Vincitori 1  concorso DreamUp

 

LA CLASSE 4ª DELLA SCUOLA PRIMARIA DINA LUZZATTO DI PADOVA
VINCE IL CONCORSO DREAM UP.

 

 

 

La prima edizione del percorso di educazione finanziaria per la creazione d’impresa, promosso da Etimos Foundation, ha coinvolto nel corso dell’anno oltre 1300 alunni delle scuole primarie padovane. A settembre si riparte in tutto il Veneto.

 

L’ultimo giorno di scuola riserva una gradita sorpresa alla Scuola Primaria Dina Luzzatto di Padova. Gli alunni della classe 4ª sono, infatti, i vincitori del concorso legato alla prima edizione di Dream Up, il percorso di educazione finanziaria per la creazione d’impresa promosso da Etimos Foundation e dedicato agli alunni delle scuole primarie padovane.

 

Tema del concorso era la creazione da parte delle singole classi di un progetto d’impresa originale, sintetizzato creativamente attraverso un poster. I bambini della Dina Luzzatto, guidati dalla maestra Anna Maria Conte, hanno creato “Lanalandia”: un’azienda di produzione di abbigliamento in lana. Il loro progetto abbraccia tutta la filiera produttiva, dall’allevamento delle pecore alla commercializzazione dei capi finiti, e cerca di risolvere i problemi concreti della vita di ogni impresa: l’accesso al credito, la messa a punto della produzione, le difficoltà di commercializzazione, la gestione del personale.

 

Originali e significativi anche gli altri elaborati presentati; in generale l’immaginario dei più piccoli in tema di lavoro si muove tra gli estremi del sogno e della concretezza quotidiana: laboratori di cioccolateria, agriturismi, parchi zoo, prototipi di zainetti scolastici automassaggianti, ma anche parrucchieri, negozi di articoli sportivi e abbigliamento. Tutti i progetti sono disponibili nel sito www.progettodreamup.it.

 

Dream Up ha coinvolto nel corso dell’anno oltre 1300 alunni, 51 classi e 26 scuole. “Il suo più grande successo – commenta Marco Santori, presidente di Etimos Foundation – è quello di aver saputo parlare ai più piccoli di argomenti complicati che hanno un peso sempre più grande nella vita di tutti: il rapporto tra denaro, lavoro e realizzazione personale; il funzionamento dei meccanismi di base dell’economia; il significato di parole come guadagno, risparmio e credito.” L’idea di fondo è di educare i più piccoli non solo a mettere a fuoco idee creative, ma a dare loro concretezza. Un approccio apprezzato tanto dai bambini e dalle loro famiglie, quanto dagli insegnanti. Anche per questo la seconda edizione, a partire da settembre, avrà una diffusione non più provinciale, bensì regionale.